Come ottimizzare e migliorare un sito WordPress

Postato in data 11 Aprile 2023 da Riccardo Esposito - Aggiornato il 24 Agosto 2023
PROMO

Hosting multidominio: risparmio e professionalità in un unico prodotto | Ora in promo al 50% |

  • Account illimitati
  • Installazione Cms 1 click
  • Assistenza H24/365
  • Migrazione gratuita

Ottimizzare WordPress è indispensabile per chi vuole ottenere vantaggi in termini di prestazioni e visite. In primo luogo devi puntare sui motori di ricerca, ecco perché spesso ci soffermiamo sull’ottimizzazione SEO di WordPress. Che è un aspetto fondamentale del lavoro sulla velocità di esecuzione di un sito internet.

Ottimizzare WordPress

Ma questo è solo un aspetto, ce ne sono altri. Come l’user experience e i Core Web Vitals. Lo sai che c’è bisogno di velocizzare un sito web su WordPress? Anche questo punto fa parte dei miglioramenti generali del tuo sito web. Ho catturato la tua attenzione? Ecco come miglioraresul serio e ottimizzare WordPress.

Riduci il numero di contenuti duplicati

Uno dei primi metodi strategici per ottimizzare WordPress e relativi siti web: assicurati che il tuo progetto non sia un ritrovo di contenuti duplicati. Spesso ci concentriamo solo sulla presenza esterna di minacce.

Ovvero, tendiamo a punire chi copia gli articoli. In realtà la vera sfida è quella di limitare la creazione di cannibalizzazioni interne. Ciò avviene, spesso, proprio a causa del CMS WordPress perché in quanto piattaforma di blogging ha delle impostazioni particolari.

Ad esempio ti consente di creare un numero infinito di pagine tag e categorie. Questo aspetto, se gestito male e senza una strategia di keyword research, porta a una quantità infinita di contenuti che si combattono a vicenda.

Con relativi problemi illustrati da Google. Idem tra le pagine archivio e autore: se scrivi solo tu sul blog la pagina personale sarà uguale a quella della lista generale di tutti i post pubblicati. Disabilità la pagina autore se non gestisci un blog con più firme, lo puoi fare con un’opzione di Yoast. E fai attenzione a tag e categorie.

Riduci il numero di contenuti duplicati

Con l’acquisto di un piano Hosting WordPress gestito e preinstallato, come quello proposto da Serverplan, puoi dedicarti esclusivamente alla gestione del tuo sito, ottimizzando questi aspetti che possono dare una marcia in più al tuo sito. I nostri piani sono stati pensati per liberarti da ogni aspetto tecnico, backup e aggiornamento.

Ottimizza le immagini del tuo sito WordPress

Ci sono modi diversi per ottimizzare un sito WordPress. Una delle soluzioni più efficaci: migliorare le immagini. Che devono essere di grande qualità ma anche leggere perché di sicuro, come ricorda anche questa ricerca, sono i contenuti visual a impattare maggiormente sul caricamento della pagina. Come intervenire?

  • Carica le immagini solo quando servono.
  • Utilizza un formato recente tipo WebP.
  • Adatta le dimensioni dell’immagine al layout.
  • Usa il lazy load (già presente di default su WordPress).
  • Se hai tante immagini e video usa un CDN.

Quest’ultimo punto è fondamentale se operi nel settore internazionale, ad esempio con un e-commerce che presenta schede prodotto con tante immagini. Ricorda di non abilitare la funzione per creare le pagine web per ogni immagine caricata: Yoast permette di disabilitare questa funzione che crea numerose pagine con zero testo. Per ottimizzare in blocco un gran numero di immagini già caricate ti consiglio un plugin: Smush.

Riduci le richieste HTTP per emergere

Quando un utente visita il tuo sito web, invia delle richieste HTTP a tutti i file necessari per ottenere il risultato finale. Ecco perché la semplicità vince sempre ma ciò non significa avere una pagina web vuota.

Per velocizzare il tuo sito web e migliorare WordPress devi ridurre queste dinamiche: un modo per ridurre le richieste HTTP è combinare file CSS e JS. Puoi farlo manualmente e integrare tutto in un numero minimo di file se sei uno sviluppatore. Il vantaggio di usare questo CMS: un plugin può farlo al posto tuo: riduci e combina file CSS e JavaScript, così puoi ottenere buoni risultati ottimizzando il tuo sito web WordPress.

Elimina plugin inutilizzati dal sito WordPress

Se vuoi ottimizzare un sito web su WordPress e dare velocità al caricamento delle pagine, oltre a utilizzare un hosting di qualità, devi fare attenzione a ciò che usi per implementare le funzioni del portale internet.

Caricare tanti plugin non è una buona idea: queste estensioni possono fare tanto per migliorare il sito web ma spesso aggiungono codice inutile alle pagine online, aumentando a dismisura i tempi di upload del sito.

Quindi devi eliminare i plugin WordPress che non servono e scegliere solo quelli che impattano in modo intelligente sulle risorse. E ricorda che molti plugin possono essere sostituiti da un po’ di coding manuale.

Taglia le pagine inutili del sito web WordPress

Per ottimizzare WordPress continuiamo il nostro viaggio nel lavoro di potatura. Eliminare la pagina archivio personale, come indicato nel primo step, è un passo decisivo. Limitare tassonomie inutili anche. Con Yoast puoi cancellare le pagine archivio per data, un’operazione con risultati evidenti per ottimizzare un sito WordPress.

Taglia le pagine inutili del blog WordPress

A meno che tu non sia un giornale online o un magazine su Google News e non ci sia una necessità per gli utenti è un peso che puoi eliminare. Lo stesso vale per le pagine media: perché permettere al CMS di pubblicare una pagina web per ogni immagine caricata? Una spunta ti permette di alleggerire la piattaforma.

Ottimizza le pagine web del sito internet

Per ottimizzare WordPress cura tutte le sezioni del blog o del portale? Spesso accade questo: ottimizzazione SEO per articoli e pagine di servizi, assenza di attenzioni verso il resto. Crea tag title e meta description in linea con i search intent, aggiungi del testo extra, non dimenticare l’H1. Poi, ancora un punto: ottimizza la SEO della home page. Spesso dimentichiamo completamente questo dettaglio che invece resta centrale.

Ti dico questo: hai bisogno di prestare un minimo di cura anche ad altre pagine di servizio, come quelle chi siamo e contatti. Poi c’è un’opportunità da non lasciare indietro: l’ottimizzazione SEO di tag e categorie. Queste risorse possono diventare una buona fonte di traffico se le migliori in termini di ranking.

Devi velocizzare WordPress per emergere

Se vuoi ottimizzare WordPress è impossibile ignorare questo punto. Uno dei capisaldi per migliorare il tuo sito web, e la relativa presenza online, è la velocità. Ma è giusto parlare di Core Web Vitals. Mettiamola così: devi lavorare sulla page experience, ovvero su tutti i segnali che migliorano l’UX delle pagine internet.

Devi velocizzare WordPress per emergere

Tra questi abbiamo la velocità di caricamento che si ottimizza utilizzando un sistema di cache, ottimizzando il database, scegliendo un hosting con HTTP Keep Alive e dischi SSD, utilizzando un tema ottimizzato per questo scopo, minificando CSS e Javascript ma anche caricando immagini leggere e compresse a monte.

Tante sono le soluzioni da seguire, le puoi individuare facendo un’analisi su Pagespeed Insight. Ma ricorda che tutto inizia da una base solida: con un hosting Serverplan gestito hai già tutto quello che ti serve dal punto di vista tecnico: HTTP Keep Alive, PHP aggiornato, HTTP/2 e Let’s Encrypt già installato. Cosa puoi desiderare di più? Forse un sistema di cache già pronto così puoi memorizzare le pagine web e velocizzarne il caricamento.

Hosting WordPress preinstallato e gestito

  • WordPress installato
  • Cache configurata
  • Aggiornamenti automatici
  • Assistenza H24/365

Monitora i plugin che stai utilizzando

Per ottimizzare un sito web WordPress devi ottenere maggiori informazioni sui plugin che stai utilizzando. Puoi monitorare le estensioni e ottimizzarle in modo da limitare eventuali rischi o richieste di risorse.

Ad esempio, se un plugin impiega troppo tempo per caricarsi puoi cercare un’alternativa. Ma assicurati che ogni add-on sia aggiornato: in alternativa può diventare un rischio per la sicurezza di WordPress.

Usa un permalink sempre pulito sul blog

Una delle impostazioni standard per ottimizzare WordPress: assicurati che gli URL delle pagine web e dei post siano semplici, lineari, puliti e poco ingombranti in termini di lunghezza. Puoi ottenere questo con una semplice impostazione da fare rigorosamente prima di iniziare con costanza la tua attività di blogging online.

Ovvero, devi andare nelle impostazioni del permalink che caratterizza il singolo articolo WordPress. Qui puoi scegliere la struttura basata sul titolo del post. In questo modo avrai come slug solo il none dominio e una combinazione di termini apri a quella dell’header. E che puoi cambiare prima di pubblicare.

Usa un permalink sempre pulito sul blog

Da evitare le soluzioni non SEO friendly con data: non è il massimo. Ti impedirà di aggiornare un articolo cambiando anche la data. O meglio, lo potrai fare ma solo se poi fai un redirect 301 altrimenti avrai diversi errori 404 da gestire sulla search console. Sai bene che l’ottimizzazione di WordPress passa anche da questi dettagli.

Verifica sempre la paginazione di WordPress

Questo è uno dei parametri che può portare batoste in termini di ranking e indexing, posizionamento e indicizzazione delle pagine web. Essendo WordPress un blog avrai diverse paginazioni. Quindi delle organizzazioni di pubblicazioni in archivio. Per fare in modo che utenti e motori di ricerca riescano a leggere le tue pubblicazioni devi assicurarti che tutte le pagine archivio siano raggiungibili attraverso dei link.

Verifica sempre la paginazione di WordPress

La soluzione è quella della lista numerata con freccia per procedere tra le pagine. Spesso si aggiunge anche l’ultimo numero della lista per comodità. Lato codice, il Rel=”canonical” di ogni pagina archivio deve essere su se stessa e non sulla principale, inoltre è ancora buona norma (ma non obbligatorio) avere il rel="next" e rel="prev" per agevolare la comprensione di qual è la pagina che viene prima e quale la successiva.

Un dettaglio che può fare la differenza quando vuoi ottimizzare il tuo sito internet creato con CMS WordPress: tag title e meta description degli archivi sono uguali di pagina in pagina ma possono (e dovrebbero) avere delle sequenzialità. Ad esempio, pagina 1 di 20. Puoi risolvere con le variabili di SEO by Yoast %%page%%.

Acquista e usa un hosting WordPress di qualità

Di sicuro questo è un ottimo modo per ottimizzare WordPress: usare un server SSD con un buon livello di update in modo da scongiurare lunghe fasi di sito non raggiungibile vuol dire garantire massima affidabilità già dall’infrastruttura. Poi c’è l’assistenza che garantisce supporto per i problemi che possono subentrare.

hosting wordpress

Ma anche un confronto quando devi migrare il sito web e uptime di tutto rispetto. Inoltre, con un hosting gestito come quello di Serverplan puoi attivare il CMS con un click e avere già i plugin necessari all’ottimizzazione (come ad esempio Yoast). Inoltre il sistema di cache ti consente di avere un sito web veloce.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti totali: 1 Media: 5]
Riccardo Esposito

Discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *