A cosa serve il Rel Canonical e come si usa

Postato in data 24 Maggio 2021 da Riccardo Esposito

Il rel canonical è un attributo per le tue pagine web. Se hai un blog, un ecommerce o un portale hai sicuramente sentito parlare di questa indicazione che consente di comunicare a Google qual è la versione ufficiale di una determinata pagina web.

Rel Canonical

Perché a questo serve il rel canonical: riesce a risolvere uno dei tipici problemi legati all’ottimizzazione SEO. In una situazione di incertezza puoi comunicare al motore di ricerca qual è la risorsa da prendere in considerazione per evitare contenuti duplicati.

Partiamo da questo presupposto: l’architettura di un sito web è un equilibrio complesso e giocando con gli URL si possono creare dei malintesi. Lo stesso discorso riguarda categorie, tag, filtri di ricerca: all’improvviso, soprattutto su progetti molto articolati, ti puoi trovare con due o più pagine simili. Può succedere per una tua volontà precisa di avere due contenuti uguali o per un errore esterno, non contemplato. In tutti questi casi il rel canonical aiuta a evitare il peggio. Ecco cosa devi sapere.

Cos’è il tag rel canonical, definizione

Con questo termine intendiamo un’indicazione lasciata al motore di ricerca per comunicare qual è la pagina ufficiale tra le diverse disponibili, in modo da valutare e indicizzare (per poi posizionare nella serp) solo quella indicata nell’informazione.

Il rel canonical serve, in buona sintesi, a togliere Google dall’imbarazzo della scelta in modo da aiutarlo a scegliere un URL come versione canonica.

Quindi, secondo il vocabolario italiano, legittima, ufficiale. Per definizione, il rel canonical ti aiuta a evitare contenuti duplicati se hai più versioni dello stesso documento, così i motori di ricerca non quale versione mostrare nei risultati.

Esempio di rel canonical nel codice

Come si manifesta la compilazione di un rel canonical in una pagina web? Per trovare quest’indicazione basta andare sulla risorsa e cliccare tasto destro del mouse. Vai su visualizza sorgente pagina, ecco come appare il comando lato codice HTML.

<link rel="canonical" href="https://example.com/permalink/" />

Ricordiamo che per verificare il canonical è possibile usare il tool di ispezione URL presente nella search console, senza dimenticare che il report per individuare gli errori di scansione suggerisce eventuali passaggi in cui Google ha scelto una pagina canonica diversa da quella specificata dall’utente che si occupa del sito web (sì, anche questo può accadere).

A cosa serve e quando si usa il tag

Il rel=canonical è stato introdotto da Google, Bing e Yahoo! nel 2009 e annunciato da un post sul blog di Matt Cutts. In questo articolo si sosteneva già il motivo per usare questo elemento, ed è stato spiegato meglio nel video di presentazione.

Il motore di ricerca sa quale versione è ufficiale, quella legittima. Così puoi evitare i contenuti duplicati – anche quando le pagine sono quasi simili – e incassare i benefici di tutti i collegamenti che puntano alle diverse versioni dell’URL canonico.

Meglio redirect 301 o canonical?

Sono strumenti differenti con funzioni diverse anche se in un certo passaggio possono sovrapporsi. Il rel canonical si usa quando voglio comunicare a Google che c’è un’unica versione della pagina e non posso o non voglio eliminare le altre.

Perché, ad esempio, ho diverse versioni di un tag generate dalla creazione di filtri di ricerca su ecommerce. Non posso eliminare queste risorse ma faccio in modo che non disturbino l’indicizzazione e il posizionamento della risorsa principale.

Il redirect 301, invece, è un reindirizzamento permanente che si usa quando una pubblicazione non è più necessaria ma riceve ancora traffico o link. Quindi voglio trasferire tutti i benefici a un’altra pagina e rendere non raggiungibile la prima.

Usare il rel canonical per domini diversi

Posso usare il rel canonical per indicare una versione di una pagina web presente su un dominio differente? Ad esempio, se io pubblico un articolo sul mio blog e lo ripubblico uguale su un altro dominio posso sfruttare il canonical sulla seconda pagina per suggerire a Google che deve indicizzare solo la prima? Sì, secondo la guida di Google è possibile il cross-domain.

Settare il rel canonical su WordPress

Di default dovresti avere già la soluzione giusta per non avere problemi con il rel canonical. Questa impostazione viene inserita nel tag <head> di ogni pagina anche se in linea del tutto teorica si dovrebbe mettere solo nella pagine da canonicalizzare.

canonical

I CMS – compreso WordPress – inseriscono il tag rel canonical in tutte le pagine, così il settaggio base sarà sempre presente in tutte le risorse. Per le paginazioni la regola è chiara: ogni pagina deve essere diretta a se stessa e non alla principale.

	<link rel="canonical" href="https://www.esempio.it/category/esempio/page/2/" />
	<link rel="prev" href="https://www.esempio.it/category/esempio/" />
	<link rel="next" href="https://www.esempio.it/category/esempio/3/" />

Insieme al rel=canonical per evitare duplicazioni ci sono altri due attributi: prev e next. Anche se Google ha indicato che non valuta più questi elementi si possono aggiungere in automatico in modo da suggerire cosa viene prima e cosa invece dopo.

WordPress SEO by Yoast può aiutarmi?

Sì, se hai installato il plugin WordPress SEO by Yoast – che serve a gestire soprattutto tag title, slug e meta description – puoi impostare anche un rel canonical differente per la singola pagina. Basta andare nelle funzioni avanzate che si trova proprio sotto ai box dedicati a questi primi meta tag Google. Calcola che questa funzione la trovi anche su All In One SEO Pack e Rankmath.

rel canonical

Molto semplice: dopo la sezione dedicata al meta tag robots, dove puoi indicare eventuali suggerimenti allo spider rispetto a noindex e nofollow della pagina, c’è la sezione dedicata al rel canonical. Non devi fare altro che inserire l’URL che vuoi indicare come indirizzo canonico. Attenzione, questo è un campo da lasciare vuoto se non hai particolari esigenze: restano valide le impostazioni base di WordPress che puntano il canonical all’indirizzo della pagina in questione come impostazione di default.

Hai altre domande rispetto all’uso del rel canonical sul tuo sito web? Lascia le curiosità e i dubbi nei commenti, cerchiamo di risolvere insieme i dubbi relativi a questo passaggio dell’ottimizzazione SEO.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti totali: 0 Media: 0]

Discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *