I siti web creati con Google Business Profile verranno cancellati

Postato in data 26 Gennaio 2024 da Riccardo Esposito - Aggiornato il 24 Gennaio 2024
PROMO

Hosting multidominio: risparmio e professionalità in un unico prodotto | Ora in promo al 50% |

  • Account illimitati
  • Installazione Cms 1 click
  • Assistenza H24/365
  • Migrazione gratuita

Google cancella siti web che hai creato con il profilo dell’attività, ovvero il Business Profile. Questa notizia è stata diffusa dall’account ufficiale di Mountain View attraverso un comunicato stampa (Websites made with Google Business Profiles will be turned off soon) che ci dà tutti i riferimenti.

Dal marzo 2024, i siti web realizzati con i profili dell’attività Google verranno disattivati e si attiverà un redirect 301 al profilo della tua attività commerciale. Il reindirizzamento sarà attivo fino al 10 giugno 2024. Poi dovrai gestire il percorso in modo da evitare un link rotto proprio dove gli utenti trovano informazioni sul tuo conto. Le soluzioni? Togliere il collegamento e rinunciare a delle buone opportunità di conversione.

Google cancella siti web che hai creato con il profilo dell'attività

Oppure, e noi te lo consigliamo, creare un tuo sito web personale, indipendente, per risolvere la mossa di Google che cancella siti web. E con Serverplan è ancora più facile oggi grazie all’hosting con WordPress già installato e arricchito con tutti i plugin necessari. Vuoi approfondire la notizia?

Cosa sono i siti web creati con Google Business Profile

Da diversi anni, la scheda attività che crei su Google Business Profiles – un tempo Google My Business – consente di realizzare dei siti web base per presentare le singole aziende.

Sono delle soluzioni semplici e poco impegnative che permettono di indicare in singole pagine immagini, orari, stringhe di testo. Per trovare questi siti web devi andare nella sezione www.google.com/business, accedere e visualizzare i dati della singola attività. Sotto la voce contatti trovi la possibilità di gestire anche i siti web: qui appare la notizia.

Quali siti verranno disattivati e cosa significa per te

Nella sezione privata del tuo account personale si parla della relativa disattivazione dei siti web creati con questo strumento. Un bel problema per le attività che non avevano pensato di realizzare un portale proprietario e pensavano di colmare questa mancanza con un servizio gratuito e funzionale.

Nello specifico, verranno disattivati tutti i siti web creati da Google Business Profile con domini che terminano con business.site e negocio.site (evidentemente per i profili legati a paesi di matrice ispanica). Si procede con la rimozione dell’URL dal campo del tuo profilo a partire da marzo 2024.

Questo è il risultato di un’azione poco lungimirante per chi decide di delegare uno strumento fondamentale per il sito web a servizi esterni. Che possono essere gratuiti o a pagamento ma che comunque non garantiscono stabilità: se il servizio chiude, tu perdi tutto e puoi avere notevoli ripercussioni. Come, appunto, l’assenza di un riferimento per i clienti da un giorno all’altro, un bel problema per chi non ha una exit strategy.

Cosa accade dopo? Come conviene procedere?

Nel momento in cui viene disattivato il sito web di Google Business Profile c’è un reindirizzamento dell’URL al tuo profilo, opzione che decade dopo un paio di mesi. Questo tempo dovrebbe darti ulteriore modo per risolvere il problema sostituendo o eliminando il link non più funzionante. Io ti consiglio di aggiornare il tuo profilo dell’attività su Google in modo che rimandi a un nuovo sito web per non perdere preziose occasioni di conversione.

Come procedere con la sostituzione e come risolvere?

Vai sul tuo account personale di Business Profile, sezione contatti, e sostituisci l’URL che hai inserito utilizzando il servizio proprietario di Mountain View (termina con business.site) con quello del tuo sito web personale. Questo significa, in sostanza, che ne devi creare uno. I passaggi:

Questo comporta tempo e risorse economiche. Chiaramente l’idea di dare compito a un’agenzia professionale di affrontare questo passaggio è sempre valida ma se vuoi procedere in autonomia c’è una soluzione che devi prendere in considerazione: l’hosting gestito di Serverplan con WordPress già pronto per andare online. Oltre all’applicazione per la gestione dei contenuti, hai tutto in linea per poter andare online con il tuo sito web.

Mancano solo i testi e le immagini che devi scegliere e pubblicare, ma per il resto hai già tutto pronto. Ed è sicuramente questa una delle soluzioni migliori per affrontare il problema dei siti web cancellati da Google. Vuoi maggiori informazioni? Dai uno sguardo alle nostre offerte migliori.

Hosting WordPress preinstallato e gestito

  • WordPress installato
  • Cache configurata
  • Aggiornamenti automatici
  • Assistenza H24/365
Clicca per votare questo articolo!
[Voti totali: 0 Media: 0]
Riccardo Esposito
Tag: google

Discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *