Come ottimizzare un database WordPress

Postato in data 24 Novembre 2022 da Riccardo Esposito

Pulire il database WordPress è una delle operazioni più importanti per chi vuole un sito web veloce ed efficace. Queste caratteristiche hanno bisogno di tante altre attenzioni, in primo luogo di un hosting performante, ma la pulizia di file inutili che si trovano nel cestino di WordPress resta decisiva.

Pulire il database WordPress

Il database WordPress, infatti, è l’archivio di tutti i dati che vengono organizzati in tabelle consultabili ogni volta che bisogna presentare un contenuto o caricare una pagina web. In poche parole, la struttura che viene creata su WordPress grazie a MySQL è l’elemento più lento dell’intero sito web.

E noi siamo qui per lavorare nella direzione opposta: dobbiamo rendere tutto più scattante. Oltre a comprimere le immagini, attivare un sistema di cache e acquistare un hosting gestito con tutte le caratteristiche per velocizzare il caricamento della pagina c’è bisogno di pulire il database WordPress.

Plugin o pulizia manuale del database

Un punto da chiarire: con un buon programmatore puoi procedere con la pulizia approfondita del database WordPress senza plugin e in sicurezza. Attualmente, però, ciò che conviene fare è utilizzare add-on specifici perché ti consentono di lavorare in modo adeguato, senza eccessivi rischi e rispettando le regole per la gestione delle tabelle. E poi ci sono anche delle attività che puoi svolgere manualmente. Come cancellare vecchi post, commenti, pingback e trackback.

Sono buone abitudini da mantenere e che non portano alcun problema alla gestione quotidiana del sito web. Sono passaggi legati solo ed esclusivamente alla buona gestione del backend.

Prima di iniziare fai un backup del sito

La regola se vuoi fare un buon lavoro di pulizia WordPress dedicata a tutti i file inutili: fai una copia backup del sito web. Questo passaggio ti permette di evitare brutte sorprese. Nel momento in cui andiamo ad agire sulle tabelle del database c’è sempre il rischio che qualcosa non funzioni.

Quindi devi assicurarti che, nel caso peggiore, tutto torni al proprio posto. Lo stesso avviene, ad esempio, quando ti appare l’errore nello stabilire una connessione al database con relativo schermo bianco della morte su WordPress: il backup ti salva sempre in caso di problemi irrisolvibili legati a questo aspetto del sito web. Chiaramente, avere un hosting di qualità ti aiuta anche in questo caso dato che dovrebbe avere un backup giornaliero garantito.

Hosting WordPress preinstallato e gestito

  • WordPress installato
  • Cache configurata
  • Aggiornamenti automatici
  • Assistenza H24/365

Plugin per pulire il database EordPress

Il primo passo per ottimizzare il database è l’uso di un plugin specifico. In realtà la scelta si divide in due rami ben precisi: puoi usare estensioni dedicate a questo lavoro o quelle che si occupano di velocizzare WordPress e hanno anche la funzioni di pulizia DB. Tra questi possiamo citare Wp Rocket, WP Optimize e altri ancora. D’altro canto se vogliamo lavorare solo sull’ottimizzazione del database in ogni suo aspetto dobbiamo valutare questi plugin.

  • Advanced Database Cleaner
  • Database Cleaner & Optimizer
  • Optimize Database after Deleting Revisions
  • Wp Sweep

Di sicuro questi sono i migliori plugin per ottimizzare il tuo database pieno di informazioni inutili come vecchie revisioni, meta dati superflui, pagine e commenti cestinati, pingback e trackback, cache OEMBED, elementi spam, file transitori e altro ancora. Con le estensioni elencate puoi eliminare questi dati non necessari per ridurre le dimensioni del tuo database e migliorare la velocità e le prestazioni del sito web.

Fai pulizia di WordPress con il cestino

Un aspetto che puoi portare avanti senza tanto impegno: svuota il cestino di WordPress con costanza. Ogni volta che un commento o un articolo viene cancellato in realtà è ancora disponibile perché viene spostato nel cestino. Volendo puoi sempre recuperare il contenuto. Se questa possibilità non è nei tuoi piani conviene cancellare costantemente tutto quello che si trova in quest’area: non a caso anche Wp Rocket offre questo servizio.

wp rocket

Come pulire database WordPress in modo semplice e veloce? Se il tuo incubo sono le tabelle gonfie di dati puoi utilizzare questo plugin che consente di pulire anche commenti non pubblicati e cestinati, elementi duplicati o magari orfani, spam e tutto ciò che non serve nel database.

Pulire il database WordPress dalle revisioni

L’attività editoriale di WordPress è al centro delle sue funzionalità. Puoi pubblicare i tuoi contenuti ma ricorda che, inevitabilmente, tutto ciò comporta un appesantimento del database. Ad esempio, se mantieni gli articoli in bozza automaticamente questi creano dei record – ovvero un blocco di dati memorizzati in una tabella – di cui non hai bisogno. O meglio, se la bozza rimane per un periodo di tempo limitato non c sono problemi.

Ma se parcheggi per mesi decine di bozze senza alcun motivo devi pensare a come pulire il database da questo peso. La soluzione: o pubblichi o cancelli i contenuti che hai realizzato. Anche perché per ognuno di questi post mantieni anche le revisioni. Questo vale anche per gli articoli che scrivi.

Infatti WordPress salva in automatico diverse versioni di un contenuto per consentirti di tornare indietro e fare un backup . Per risolvere il problema devi cancellare le revisioni – i plugin elencati fanno anche questo – e impostare un numero di versioni ridotto. Ci sono diverse estensioni che ti consentono di fare questo, però se vuoi agire manualmente devi andare nel file wp-config.php e aggiungere la stringa:

define('WP_POST_REVISIONS', 4);

Il numero è indicativo, puoi mettere quello che preferisci ma è meglio mantenerlo bassi. Suggerisco di non eliminare del tutto le revisioni perché fanno comodo se vuoi tornare indietro e recuperare vecchie versioni del post. Ricorda che Wp Sweep è perfetto per la approfondita di bozze e revisioni.

Latest posts by Riccardo Esposito (see all)
Clicca per votare questo articolo!
[Voti totali: 0 Media: 0]

Discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *