Come gestire un server dedicato (senza impazzire)

Postato in data 8 Gennaio 2015 da Riccardo Esposito

Nelle ultime settimane abbiamo iniziato un percorso di approfondimento dedicato ad alcuni argomenti particolarmente cari a chi cerca un hosting specifico, non ordinario, con prestazioni speciali. Ecco perché abbiamo presentato i server dedicati come soluzione ambita da chi vuole il massimo per portali ed e-commerce.

server dedicato

Ma  non solo: i server dedicati sono ideali anche per chi ha molti siti e vuole gestire in modo autonomo lo spazio hosting. Tra i principali vantaggi c’è proprio questo punto: la possibilità di essere completamente indipendente e avere il controllo dell’hosting per i propri progetti. Non devi condividere le risorse con altri clienti: ci sei solo tu.

Questo significa grandi performance ma anche tante responsabilità. Gestire un hosting condiviso è piuttosto semplice: compri un dominio, compri un hosting Linux o Windows, carichi il CMS e via. Tutto molto semplice soprattutto se ti affidi a percorsi guidati come Easyapp. Con un server dedicato, invece, la situazione è molto differente. Ma iniziamo dalla base.

Cosa è un server dedicato

Un server dedicato è una macchina dedicata a un unico cliente. Di solito i server sono divisi tra più clienti, e ognuno occupa uno spazio ben preciso. Con il server dedicato, invece, le risorse (quindi lo spazio e la potenza di calcolo CPU e RAM) sono esclusivamente tue: non le devi condividere con altri clienti, non hai problemi di sicurezza.

Tra hosting condiviso e server dedicato c’è una soluzione intermedia: VPS, ovvero virtual private server. Con questa soluzione hai una riproduzione virtuale delle caratteristiche tipiche di un server dedicato: è il passo utile per abbandonare l’hosting condiviso quando non sei ancora pronto per un server dedicato.

Soluzione managed

Ok, gestire un server dedicato non è semplice. Devi curare gli aggiornamenti, la configurazione, devi controllare ogni ora le prestazioni per assicurarti che tutto sia in ordine. Un sito che ha bisogno di un server dedicato è anche un sito che non può restare offline per troppo tempo.

server dedicati

Ecco perché molti servizi offrono la versione managed: un hosting dedicato gestito da un team di professionisti che opera al posto tuo. Con un server self-managed accedi tramite Remote Desktop (Windows) o SSH (Linux) e gestisci la macchina come se fosse in locale. Puoi anche installare e disinstallare programmi in totale autonomia.

Ovviamente devi essere in grado di compiere queste azioni, devi avere le competenze per muovere i passi giusti altrimenti rischi di rimanere fermo (e con un server dedicato non conviene). I server dedicati di Serverplan hanno una versione managed che permette di bypassare tutte le difficoltà e i problemi tecnici a un support specializzato. Ecco qualche dettaglio:

  • Monitoring dei servizi e delle performance del server H24.
  • Ripristino del servizio H24 in caso di blocco.
  • Aggiornamenti di: server, sistema operativo, applicazioni, Php, Mysql, Apache.
  • Risoluzione di problemi segnalati dal cliente o riscontrati da noi.
  • Ottimizzazione del server in base alle esigenze.
  • Attivazione del servizio di Firewall e Backup giornaliero.
  • Assistenza telefonica H24.

Questo è il programma ideale per gestire un server dedicato senza impazzire. Inoltre molti fornitori (tipo Serverplan) forniscono assistenza anche in caso di upgrade da un servizio diverso o di migrazione. Certo, ci sono delle differenze di prezzo tra un servizio monitorato e uno senza assistenza. Ma se hai bisogno delle prestazioni massime che può garantire un server dedicato e non hai le competenze necessarie per gestirlo questa è l’unica soluzione.

Per approfondire il tema ecco altro articoli utili:

Clicca per votare questo articolo!
[Voti totali: 0 Media: 0]

Discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *