PHP 8: novità e vantaggi

Postato in data 10 Dicembre 2020 da Riccardo Esposito - Aggiornato il 21 Gennaio 2021

PHP 8, il famoso linguaggio di programmazione che è anche la base del tuo sito web o blog su WordPress, è disponibile nella sua versione stabile. O meglio, stanno ancora sviluppando e ottimizzando alcuni passaggi ma in questo mese sarà pronto per essere usato per ottimizzare le prestazioni dei siti web.

PHP 8: novità e vantaggi

Noi ci stiamo muovendo per accogliere la novità, ma cosa bisogna sapere? Perché conviene passare a PHP 8? Ecco una serie di dettagli utili che ti fanno capire l’importanza del momento.

PHP 8 in sintesi, cosa cambia

La nuova versione del nostro preprocessore di ipertesti è stata rilasciata il 26 novembre 2020 e nell’attesa abbiamo potuto saggiare la sua stabilità e le caratteristiche tecniche. In questa release sono stati, ovviamente, ridotti e risolti diversi problemi ma anche aggiunte una serie di caratteristiche che si muovono in due direzioni: semplificare il lavoro dei programmatori e migliorare le performance.

Una costante, quest’ultima, che ha sempre caratterizzato le nuove versioni del linguaggio di programmazione (come PHP 7.4) e che rappresenta un punto di riferimento per i chi vuole avere un sito web sempre performante. Tutte le note della release si trovano sul sito web ufficiale.

Da leggere: meglio hosting Linux o Windows?

Compatibilità con WordPress

Il primo problema che si pone: PHP 8 sarà compatibile con il CMS più diffuso del web? Più volte gli sviluppatori hanno mostrato perplessità ma c’è una nota importante nel blog ufficiale: PHP 8 è perfettamente allineato con WordPress 5.6, la nuova versione. Che sarà rilasciata l’8 dicembre 2020.

Aggiornando il CMS dei propri siti web dovremmo essere al sicuro con tutte le compatibilità del caso. Ora, però, estrapoliamo i punti che ci interessano con uno dei punti di questa nuova versione di PHP.

Compilazione Just In Time

Il motivo del nostro interesse: PHP è interpretato e non compilato dalla macchina, ma con questa funzione si ricorre a parti del codice in runtime, da utilizzare direttamente. Tutto questo, secondo il team di sviluppo, dovrebbe garantire tempi migliori e performance superiori. Ecco cosa dicono:

PHP 8 introduces two JIT compilation engines. Tracing JIT, the most promising of the two, shows about 3 times better performance on synthetic benchmarks and 1.5–2 times improvement on some specific long-running applications.

La traduzione è chiara: PHP 8 introduce due motori di compilazione JIT. Il più promettente mostra prestazioni circa 3 volte migliori sui benchmark sintetici. D’altro canto non sempre questo è visibile nelle applicazioni web come mostra anche questo grafico.

php 8

D’altro canto il blog Levelup riporta un’analisi sul campo di PHP 8 e riporta i risultati di JIT in modo chiaro: è brillante e sorprendente per chi ha bisogno di ottimizzare i tempi di esecuzione. Il numero assoluto del miglioramento non è rilevante (0,04458594322 secondi) ma il vantaggio relativo, in proporzione, si nota.

In buona sintesi, i motori di compilazione Just In Time è la novità principale per l’utente finale, per il proprietario dei siti web che vuole far girare WordPress sulla nuova versione di PHP.

La presenza del Just In Time dovrebbe aiutare le performance ma tutto varia in base alla circostanza. Comunque le prestazioni delle applicazioni sono, nel peggiore dei casi, pari con PHP 7.4.

Pulizia e funzionalità del lavoro

Una parte delle novità introdotte dalla versione 8 di PHP riguardano la possibilità di operare in modo più semplice e lineare. Con una serie di passaggi, l’opera di coding è diventata più coerente. Qualche esempio?

  • Union Types – Puoi definire più tipi di dato per un parametro. 
  • Match – Introduzione di questo nuovo costrutto nella sintassi.
  • Attributi – Introduzione delle annotazioni, metadati alle classi.

In realtà il tutto si traduce in maggior funzionalità e semplicità di esecuzione, codice pulito e maggiori funzionalità. La maggior parte dei passaggi riguarda soprattutto gli sviluppatori e le persone che lavorano con PHP per creare siti web sempre più funzionali. Ma è chiaro che l’aggiornamento di questa piattaforma fa parte delle normali attività da valutare insieme al tuo provider di fiducia.

Da leggere: migrare da HTTP a HTTPS 

Come aggiornare a PHP 8

Avere un hosting che ti permetta di aggiornare l’ultima versione di PHP vuol dire garantire ancora una volta la massima velocità possibile al tuo sito web. Che siano piccoli o grandi vantaggi in termini di secondi guadagnati non fa differenza: sappiamo bene che dobbiamo lavorare anche sui decimi di secondo.

Soprattutto quando si tratta del tempo di caricamento della pagina web. Insieme a HTTP Keep Alive, HTTP/2, dischi SSD, questa è una delle principali attenzioni che possiamo avere nei confronti dei webmaster. Vuoi far parte di questa novità? Nessun problema, PHP 8 è disponibile per tutti i piani Hosting Condivisi, Piani Reseller multi dominio e server dedicati (VPS Hosting, Cloud e Server Dedicati). Ecco come cambiare versione per chi usa cPanel e Plesk. Se hai bisogno di altre informazioni puoi lasciare un commento, grazie.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti totali: 3 Media: 4.7]

Discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *