PNRR e cloud, nuovi fondi per scuole e comuni

Postato in data 29 Aprile 2022 da Riccardo Esposito

C’è una stretta relazione tra ultime notizie del PNRR e cloud. Nello specifico, possiamo registrare che ci sono dei fondi interessanti in arrivo per scuole e comuni. Ma solo per quelli che decidono di dare una svolta rispetto al modo di gestire il rapporto con la tecnologia che porta tutti i dati nella nuvola.

PNRR e cloud

Una nuvola digitale che è sempre più diffusa e utilizzata. Non a caso, le caratteristiche di flessibilità ed efficienza saranno la base per spingere comuni e scuole a ricevere un contributo economico per attuare la migrazione di un numero minimo di servizi verso infrastrutture qualificate.

PNRR e cloud nei comuni

La prima notizia da riportare è quella che, dal 19 aprile, 7.904 Comuni italiani possono candidarsi su PA digitale 2026 per ottenere i contributi necessari alla migrazione dei propri servizi su piattaforme cloud. Una soluzione che aiuterebbe le attività della pubblica amministrazione a velocizzare processi e snellire passaggi che potrebbero contemplare diversi vantaggi per l’utente e gli impiegati.

Un esempio recente è quello della digitalizzazione del processo di cambio residenza: oggi basta file agli sportelli, basta un click per ottenere lo stesso risultato. Risultati del genere possono essere raggiunti anche grazie ai 500 milioni di euro istituiti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Ricordiamo però che sono stati messi a disposizione del Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del consiglio dei ministri. Questi fondi sono destinati all’efficienza digitale dei comuni, per avere maggiori informazioni su PNRR e cloud puoi dare uno sguardo al comunicato ufficiale.

Cloud anche nelle scuole

Qualcosa di simile è stato pensato anche per il mondo della pubblica istruzione. Un universo dove i nostri ragazzi dovrebbero trovare un ambiente efficace e privo di ostacoli. Anche qui il comunicato stampa ufficiale ci ricorda che sono in ballo 95 milioni di euro in termini di fondi che si dividono in modo differente. Ci sono 50 milioni di euro destinati alla migrazione sul cloud, altri 45 sono rivolti alla creazione e restyling dei siti web.

Da parte nostra, oltre a fornire il miglio hosting per le imprese, possiamo annoverare un servizio di cloud server IaaS adatto a qualsiasi scopo. E rispettando tutti i canoni in termini di sicurezza e affidabilità. Non a caso abbiamo superato i controlli e le verifiche per essere parte dei fornitori cloud IaaS per la pubblica amministrazione.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti totali: 0 Media: 0]

Discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.